Tag: mamma

5 modi per dirgli che sarà Papà 

Quando ancora Io e Mammo eravamo una coppia libera da parchi,asili e casa disordinata, immaginavo il momento in cui gli avrei detto che sarebbe diventato papà. 
Avrei voluto un modo unico e speciale per rivelargli questa notizia ma andò diversamente.
Comprai il test di Sabato, alle 15, nella parafarmacia del Conad mentre facevo la spesa per la cena. Alle 16 sapevo già tutto. 

Ero una mamma. 

“Oh mio Dio ma è vero? Cosa potrò mangiare? Fammi ricordare se ho preso medicine in questi giorni! Come lo dico a lui?”
Iniziai a camminare in tutta la casa e non riuscivo a star ferma, sarei voluta uscire a comprare una scatolina spiritosa per metterci dentro un biglietto ma niente.
 Al suo rientro da lavoro, gli aprii la porta e con un piede mezzo dentro e uno mezzo fuori gli dissi la frase più scontata che potessi pronunciare:

 “Sono incinta, aspettiamo un bambino”

 Era incredulo, gli occhi sgranati e la felicità sul suo viso mi calmarono. Passammo la sera sul divano a leggere su internet i cibi consentiti, prima di ricevere la visita di una coppia di amici che ci esortava ad avere bambini. Che risate trattenute a quei consigli!

Ci sono tanti modi per comunicare al proprio compagno la notizia più bella del mondo ed ecco 5 spunti a cui potrai ispirarti:

Una cena romantica a lume di candela, a casa propria o in un ristorante speciale.

Una lettera lasciata accanto alla colazione (visto che i test si dovrebbero fare la mattina perché si ha la massima concentrazione dell’ormone beta HCG) o dandola a mano in qualsiasi momento della giornata. 

Graziosa l’idea di una scatolina in cui si può riporre un ciuccio, un paio di scarpette da neonato o un peluche. 


Bello sarebbe creare un video della propria storia d’amore in cui nell’ultima parte ci sia un neonato.


Si può anche impacchettare il test di gravidanza che sicuramente non lascerà alcun dubbio.


Chissà quanta fantasia hanno le persone nel vivere questo momento. Tu come lo immagini? E tu, come gli hai rivelato la notizia? Avete fatto il test assieme? Avete avuto la gioia di saperlo da un medico? 

La mamma che aspettavo 


Quanto ci troviamo fragili davanti alla maternità. Quanto vulnerabili nel percorso di vita che vivremo. Eppure,ogni figlio, aspetta la mamma che verrà,trovandola unica e insostituibile nella sua bellezza. E allora, se potesse parlare, le direbbe così:

La mamma che aspettavo sei proprio tu.

Con la tua voce che mi racconta cose che vivremo noi, con le tue mani che mi accarezzano e che mi accoglieranno quando arriverò.

La mamma che aspettavo sei proprio tu, che metti me davanti a tutto e la tua felicità sono io.

La mamma che aspettavo sei proprio tu, che leggi libri su questi 9 mesi e che il tuo istinto sa molto di più.

Sei proprio tu, con le contraddizioni e le insicurezze, con le paure e le speranze e l’unica certezza di volermi con te.

La mamma che aspettavo sarai ancora tu quando il seno non basterà più e il biberon sarà tra noi. E quando starò nel lettone e la culla ci guarderà.

La mamma che aspettavo sarai ancora tu quando ti giudicheranno e sembrerà che i tuoi siano solo errori ma andrai avanti stringendomi di più.

La mamma che aspettavo sarai ancora tu quando farò i primi passi e la tua mano mi condurrà ovunque io andrò.

E quando a scuola dovrai lasciarmi e tratterrai il pianto, anche lì sarai la mamma che aspettavo.

Sarai la mamma che aspettavo in ogni giorno della mia vita, non potevo chiedere di più.

La mamma che aspettavo sarai tu, accoglimi con il cuore, sto arrivando da te.