Di tutte le emozioni che si vivono durante la gravidanza c’è sicuramente quella della preparazione del corredino. In quegli abitini minuscoli, tra fiocchetti e orsettini, calzine e bodini stesi ad asciugare si percepisce che il momento della nascita si avvicina e che è giunto il momento di sistemare i cassetti, scegliere la robina da indossare alle dimissioni e ed eventualmente durante il ricovero se la clinica o l’ospedale lo richiedessero.

In commercio si trovano diverse marche specifiche per il lavaggio e la cura dei capi d’abbigliamento dei neonati e tra fragranze delicate, additivi chimici e conservanti una mamma deve leggere le etichette per scegliere il prodotto più adatto.

Sicuramente è bene verificare che:

– siano senza o con pochi allergeni( le case produttrici sono obbligate ad evidenziarne la presenza)

– vengano utilizzati i giusti dosaggi per evitare che si ecceda con le quantità rendendo più difficile il risciacquo
Gli ammorbidenti sarebbero da evitare, così come igienizzanti e disinfettanti ma se non se ne può fare a meno è possibile sostituirli con il percarbonato di sodio, componente ecologico che igienizza,smacchia e deterge senza inquinare.
La pelle dei bambini é molto sensibile e delicata ed in più riesce a trattenere maggiormente le sostanze rilasciate  dai detersivi, ecco perché occorre scegliere prodotti ecologici e naturali. Ma allora quale prodotto scegliere? Ad esempio, si può utilizzare il sapone di Marsiglia, con una fragranza che sa di tempi andati e di panni stesi al sole, io personalmente dopo anni di rifiuto totale per via della sua intensa profumazione,  sto riapprezzando ora il suo utilizzo sia per il lavaggio dell’abbigliamento che per uso cosmetico.
È importante eliminare tutte le etichette che si trovano all’interno dei capi, soprattutto quelli che saranno a diretto contatto con la pelle per evitare irritazioni.
Se avete dei capi in ciniglia ricordatevi di lavarli al rovescio per fare in modo che il tessuto non attiri pelucchi.

Dopo che avrete lavato e fatto asciugare tutti i capi che utilizzerete nel primo periodo di vita, potrete stirare facendo attenzione a far evaporare bene il calore del ferro da stiro per poi sistemare il tutto in comodi sacchetti di plastica trasparente.

L’utilizzo delle bustine,  farà in modo che gli indumenti non prendano polvere, siano facilmente  pronti per essere identificati tra tante cose riposte nei cassetti e soprattutto se doveste aver voglia di condividere il corredino con amici e parenti, avrete la serenità che nessuno possa lasciare impronte o impurità.
Ed ora che i panni sono profumati e la casa accogliente, non vi resta che attendere l’arrivo del vostro frugoletto d’amore.
Spero questo articolo vi sia stato utile e fatemi sapere cosa ne pensate nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *