Quando feci il primo e unico corso preparto, (visto che tendenzialmente per la seconda gravidanza ci si dedica ad altro) tra tutte le argomentazioni, le curiosità, i racconti, ci fu anche la parte dedicata all’allattamento. La struttura del seno, gli ormoni che entrano in gioco, le posizioni corrette per l’attaccamento del bambino e bla,bla,bla,bla.

Ciò mi rimase di tutte quelle parole fu la voglia di volerlo fare, voler allattare Drago almeno un po.

I reggiseni per l’allattamento erano pronti, le coppette assorbilatte pure, le vestaglie con i bottoni davanti lavate e stirate.

Poi, nacque lui, un batuffolo (mica tanto) di oltre 3 kg che aveva bisogno di mangiare visti gli sforzi che aveva fatto per venire al mondo!


Ero indolenzita, con capogiri e voglia di non fare nulla perché il meglio di me lo avevo dato tutta la notte ma dovevo provare ad attaccarlo e la soddisfazione di vederlo mangiare sui miei seni era per me fonte di appagamento.

Ma, in una manciata di giorni, l’attacco errato, purtroppo, aveva prodotto ragadi, tagli sanguinanti che uniti a contrazioni uterine e fitte, mi fecero precipitare in un doloroso momento non solo fisico ma mentale.

Le persone continuavano a farci visita a casa per conoscere la nostra Neo-famiglia e io non riuscivo a rilassarmi perché nel momento in cui avrei dovuto allattare Drago, avrei contemporaneamente dovuto accogliere la gente ed ero contraria a condividere l’intimità dell’allattamento.

In più, per far arrivare la montata lattea (ehi! potresti non accorgerti del suo arrivo se hai un seno già prosperoso) mi portavano formaggi, kg di noci, birra (si sa che la birra fa latte! Mamma mia!!! Non è vero!!) e io non ne potevo più di tutto questo palcoscenico di cose piombato assieme all’allattamento.

Decisi di fare qualcosa. Cambiare atteggiamento. Ormai tutti i parenti avevano conosciuto Drago e le visite diminuivano (tranne per quelli che volevano rivenire per vedere quanto fosse cresciuto a distanza di 1 mese) e incominciai a rilassarmi. Io nel lettone e lui accanto a me in una penombra mistica che mi ricollegò a tanti animi di donne che nel mondo vivevano la mia stessa storia. Capii che la fretta era cattiva consigliera e che avrei dovuto ridimensionare i ritmi ad un livello più arcaico e ci riuscii.


Riuscii ad allattare Drago per un anno, un anno difficile, perché l’allattamento era arrivato senza le giuste conoscenze e se solo fossi stata più informata, la consapevolezza delle difficoltà che avrei potuto incontrare, mi avrebbe da subito, fatto capire che era tutto NORMALE.

È normale che sia doloroso, che si voglia abbandonare, che si pensi ai bimbi cresciuti bene con il latte artificiale. Basta saperlo. Sapere che potrebbe capitare di affrontare difficoltà ma che alla maggior parte delle problematiche c’è soluzione.

Per questo ho studiato per diventare una Peer supporter per l’allattamento materno. Perché avrei voluto con me una guida, una persona che standomi accanto potesse spiegarmi cosa stesse accadendo e incoraggiarmi nella scelta di allattare.

Da donna dico sempre che l’importante non è allattare ma essere serene, si è delle buone madri anche con in mano un biberon. Ma so anche che a difficoltà che sembrano insormontabili si può trovare una soluzione e delle volte basta rivolgersi alle figure giuste per avviare un allattamento armonioso e  garantisco che in questa diade lo scambio di emozioni sarà reciproco.
E voi, la pensate come me?

 

7 commenti il Ciò che non ti dicono sull’allattamento 

  1. Bellissimo articolo cati, condivido in pieno, anche io ho passato le stesse difficoltà con Francesco, le ho superate, l’ho allattato per 15 mesi, ma da sola e avrei voluto qualcuno a darmi una mano…le donne molto spesso abbandonano l’allattamento proprio perché nessuno le supporta e nessuno ci avverte che è difficile avviare l’allattamento.

  2. Ti ringrazio per aver scritto la tua esperienza, io sono mamma di Giada una bimba di 18 gg con delle ragadi da far impressione. Anche io ho fatto corso preparto, pensa, persino la tesi sull ”allattamento…eppure la verità è che si diventa genitori facendolo! Credevo fosse più facile, l’allattamento al seno al momento è un po’un handicap visto che finché soffro così tanto non riesco a uscire in ambienti non protetti. però le sto cercando tutte per risolvere e provare ad allattare…spero di riuscirci, sennò fa niente! anche trovare le giuste posizioni con le ragadi, far aprire grande la bocca… finché non ci si è dentro non si pensa!

    • Ciao Micaela, la penso esattamente come te quando scrivi che si diventa genitori facendolo. Io per le ragadi ho trovato rimedio nei paracapezzoli in argento. Dopo ogni poppata, spremi un po di latte sui seni e lascia asciugare all’aria. Fammi sapere! Un abbraccio

      • Io li ho usati sin dall’inizio ma purtroppo credo mi abbiano aiutato a far peggiorare il tutto avendo un iperproduzione di latte e quindi rimaneva sempre umido il capezzolo… ora sto mettendo cremoline e la goccia di latte. Le ho dalla sua nascita e non vedo l’ora che guariscano.

        • Ottimo anche l’olio Vea! Vedrai che correggendo l’attacco e col tempo andrà meglio! Se hai bisogno scrivimi! Mi fa piacere!

  3. Che bellissimo articolo! Ho fatto un salto nel passato (esattamente 5 anni e mezzo fa), quando anch’io dopo aver partorito la mia cucciola mi sono ritrovata ad allattare, senza alcun supporto in ospedale e ritrovandomi sola alle prese con la mia prima ed unica bambina ma soprattutto priva di esperienza. Quanto mi sarebbe stato utile un supporto da chi di competenza.
    Complimenti per il tuo nuovo percorso da Peer Supporter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *